400

Via la storia !

Ci siamo. Il circo , pardon, la processione dei Misteri di Trapani è tornata !

A 64 giorni dal venerdì santo, non è stato ancora deciso l’itinerario, pare per mancanza di sedie da utilizzare come strumento di convinzione, popolarmente detto “siggiatune“.

Ma non è l’itinerario del quale voglio parlare e sarei favorevolissimo affinché il percorso fosse “  Piazzetta Purgatorio-Piazzetta Purgatorio “.

Mentre l‘ X-Factor delle “scinnute” si arricchisce di nuovi artisti,  nel silenzio assenso di chi dovrebbe religiosamente vigilare, pare che si stia discutendo di aggiornare i ceti, inserendo nuove attività.

Che non vi siano più come un tempo  determinate categorie economiche è risaputo ma quei nomi , quelle arti o maestranze sanno di storia trapanese anche se, uno dei prossimi  presidenti dell’Unione Maestranze ( almeno secondo i sondaggi segreti ),  ha affermato che :

400

a cui ha risposto un console ( non dell’ antica Roma ma della processione ) secondo cui :

presente

Quei vecchi nomi come sarti, orefici, pittori, ortolani , fruttivendoli, scalpellini, ecc…vanno sostituiti, riciclati con l’umido e poi, siamo onesti, sanno troppo di  retrò.

E allora proviamo a immaginare quali nuovi ceti o maestranze o categorie economiche potrebbero apparire nelle mante dei plurisecolari gruppi.

Personalmente e in maniera del tutto casuale, inserirei quali nuove maestranze le seguenti attività : riparatori di computer,  presunti ingegneri che ritengono il congiuntivo una malattia dell’ occhio , architetti, moderatori di serate, barellieri, gestori di B&B  , anestesisti, venditori di pezzi di ricambio, ricercatori storici, consulenti del lavoro, poeti e menestrelli, politici trombati, politici in attesa del  giudizio universale, titolari di boutique, separati e divorziati o quasi ovviamente nella grazia del Signore,  renziani , ex berlusconiani, ex sostenitori di sindaci, guardie costiere, giornalisti sportivi leccaculo,  infermieri ( quelli militari pagano la metà ), voltagabbana tra i ceti  ( almeno due o tre di militanza ), webmaster chi c’abbannunaro u pinzere ( cioè attività non più in essere ), volontari a tutti i banne ( leggi ovunque ) e chi più ne ha più ne metta.

In attesa che finalmente si buttino via gli inutili 400 anni di storia trapanese e ci si dedichi al presente, viene spontaneo chiedersi: ma è proprio tutto da buttare ? No, il recente restauro del’ Ecce Homo pare sia stato fatto proprio bene ma alla fine, cosa volete che importi ?

Il prossimo passo ? Cambiare i personaggi e le statue dei gruppi. Se in quattrocento anni non si è fatto bene, stiamo ancora a parlare di quello là che si fece crocifiggere duemilaediciottoanni fa e non  sfruttò le raccomandazioni ?

Oh, bravo Figaro!

Bravo, bravissimo! Bravo!

Post Navigation

Lascia una risposta